Musei oltre il digitale: content strategy, analisi e innovazione a #MW2015

IMG_3650

È trascorso un altro anno e siamo di ritorno dalla nostra terza edizione della conferenza Museums and the Web, per il momento una delle nostre preferite in assoluto! Sono stati cinque giorni molto intensi tra sessioni, tour, workshop, eventi e “museum fun”: difficile riassumere l’intensa settimana di #MW2015.

Per chi fosse curioso di sapere di più sui temi trattati dall’8 all’11 aprile a Chicago, tutti i paper presentati a MW sono disponibili gratuitamente online, insieme a quelli delle edizioni precedenti, raccolti nel Museums and the Web Archive, utilissima fonte di risorse per seguire lo sviluppo del digitale in ambito museale negli ultimi 10 anni.  Nel caso la vostra sete di conoscenza di progetti relativi a #musetech #museweb #mtogo e #musesocial sia davvero inesauribile, potete anche consultare l’archivio dei candidati e dei vincitori dei Best of the Web Awards, la competizione annuale di Museums and the Web che premia i migliori progetti in ambito digital, differenziati per aree di interesse. Non vi basta? Museums and the Web ha appena aperto la call for proposals per l’edizione di ottobre, che si terrà a Melbourne: se vi sentite pronti per un viaggio nella terra dei canguri (e nel futuro dei musei) candidatevi qui entro il 15 maggio.

Read more

Comunicazione multi-account delle attività culturali: il caso del CCCB di Barcellona

3_CCCB (c) Adrià Goula, 2011

Affermare che il pubblico deve essere al centro di ogni pianificazione di strategia digitale di un museo è regola conosciuta e largamente praticata. Altrettanto chiaro e condiviso internazionalmente è il principio per cui l’ascolto attivo è uno strumento utile a identificare aspettative e interessi da esplorare. La trasformazione digitale dei musei è ormai, possiamo dirlo, piuttosto avviata in diverse istituzioni.

Se però a volte può essere complesso programmare, organizzare e diffondere i contenuti di un museo che gestisce un solo account su ogni social network, cosa succede quando a comunicare sono più voci e canali? E che fare quando non si ha a disposizione una collezione di opere fisiche, ma a raccontare il museo sono invece conferenze, incontri, corsi, o – ancora – programmi di cinema, letteratura e musica? Quando, cioè, i dipartimenti sono molteplici e i contenuti vari? Read more

#MuseumWeek: pro e contro secondo i professionisti dei musei italiani

logo museum week

Come tutti gli appassionati di musei e web ben sanno, si è appena conclusa l’edizione 2015 di MuseumWeek, l’evento “dei musei su Twitter” per eccellenza, che, dal 23 al 29 marzo, ha visto le istituzioni culturali di tutto il mondo partecipare in gran numero e con un ancor più grande numero di tweet e interazioni (stando alle statistiche diffuse dagli organizzatori, si è raggiunta quota 180.105 tweet originali, con più di 423,000 retweet).

Dall’architettura ai souvenir, dai selfie al behind the scenes, passando per le attività riservate alle famiglie e per i fiori all’occhiello delle collezioni, i sette temi scelti per questa edizione di MuseumWeek non hanno tralasciato nulla, fornendo ai musei ampie opportunità di condivisione di contenuti di tipo diverso e – ed è quel che più conta – creando un’occasione unica di interazione tra enti culturali, utenti, visitatori e altre istituzioni.

Read more

Micromecenatismo 2.0: ovvero il crowdfunding per le istituzioni museali in 5 mosse

CROWDFUNDING

Ancora crowdfunding e perché? Questo termine, come altri legati al digitale in ambito culturale, rischia di diventare la classica “buzzword”, la parola magica che si crede possa rappresentare una soluzione per i problemi economici delle istituzioni culturali, che sempre di più sono alla ricerca di nuove forme di finanziamento per supportare programmi e progetti.

Read more

Come si racconta una storia su smartphone? I 3 ingredienti per una mobile app di successo

Screen Shot 2015-02-03 at 20.51.31

Libri, tv, avventure in bicicletta e via dicendo non sono gli unici elementi che accompagnano i più piccoli nella loro crescita e attività giornaliere. Tablet e app hanno fatto da tempo il loro ingresso sotto gli alberi di Natale, sul divano, prima di andare a dormire e perfino nelle aule di scuola.

Una chiacchierata con Federica Pascotto, co-founder di Art Stories, ci fa riflettere su come contenuti di qualità e attenzione al dettaglio siano la chiave per coinvolgere e appassionare i più piccoli alla cultura utilizzando strumenti digitali, senza dimenticare anche i più grandi.

Read more

L’uso dei social media prima, durante e dopo la visita al museo: uno strumento di customer care

11255563193_7608847252_b

Da bravi social media manager di un museo, ci siamo mai veramente soffermati a pensare a come il pubblico utilizzi i social network prima, durante e dopo la visita alle nostre istituzioni? Quanto può esserci utile riflettere su queste dinamiche di utilizzo e sui conseguenti punti di contatto tra visitatori e museo per indirizzare le nostre strategie online e massimizzare le poche risorse a nostra disposizione? Abbiamo mai fatto caso a come alcune delle informazioni che passano attraverso i social media possano rivelarsi fondamentali per riconsiderare scelte curatoriali, di exhibition design e di audience research?

Read more