Il Mart di Rovereto: quando il museo pianifica sito, social e strategia

14465918410_b9090e7d13_h

Introdurre il Mart è piuttosto semplice, non fosse altro perché tutti lo conoscono (serve infatti spiegare che si tratta del Museo di Arte Moderna e Contemporanea di Trento e Rovereto?) e soprattutto perché tutti lo associano a un’idea “positiva” di museo.

Si tratta di un’istituzione nata in due tempi, prima nel 1987 e poi nel 2002, nella nuova sede di Rovereto disegnata da Mario Botta. Nella pagina del sito riservata alla mission, Cristiana Collu, direttrice del Mart, cita David Thorp e la sua definizione di museo:

“Mi aspetto da un’istituzione artistica del XXI secolo che sia flessibile, sincera, democratica, multiculturale, contraddittoria e audace. Splendida quando è ricca, eroica quando non ha denaro. Deve avere la testa fra le nuvole, funzionare in maniera esemplare, avere lo spirito di squadra, i piedi per terra e un cuore grande così. Mi aspetto che ami gli artisti, si prenda cura del pubblico, tolleri il fumo e rimanga aperta sino a tardi”.

Read more